Appel à contribution

Il Furioso del 1516 tra

rottura e continuità

Giornata di studi, 17-18 marzo 2016

Université de Toulouse, Jean Jaurès

Equipe d’Accueil ‘Il Laboratorio’ (EA 4590)

B372615206_11458_0847_Illustration_01

La giornata di studi si propone di riflettere sulla prima edizione dell’Orlando furioso, nel quinto centenario della sua pubblicazione, in continuità con gli studi filologici e critici di Santorre Debenedetti e di Cesare Segre che, ormai mezzo secolo fa, hanno reintegrato la redazione A nel panorama degli studi ariosteschi, e più recentemente con quelli di Marco Dorigatti che, pubblicando nel 2006 l’edizione critica della princeps con la collaborazione di Gerarda Stimato, ha finalmente permesso al primo Furioso di risorgere nella sua veste originale e ha restituito all’opera che Carlo Dionisotti definiva «un capolavoro assoluto», l’autonomia che le è dovuta rispetto alla redazione definitiva del poema.

In accordo con uno dei principali assi di ricerca de Il Laboratorio (Edition et réception des textes), e in particolare con il tema federatore della ‘rottura’, saranno privilegiati contributi (in italiano, francese o inglese) nel campo della filologia, della critica letteraria, della bibliografia, della storia e della storia del libro, che mettano in luce in che modo e in che misura la princeps del Furioso può essere definita, o meno, un’opera di rottura, in particolare per quanto riguarda i seguenti ambiti:

–          il genere letterario (la singolarità della gionta nel panorama della produzione cavalleresca coeva, le scelte originali operate da Ariosto rispetto al modello boiardesco e post-boiardesco, a proposito sia di aspetti già analizzati dalla critica, come l’assidua presenza della storia nel poema, la figura e il ruolo dell’autore-narratore, il rapporto con il dedicatario e con il pubblico evocato, sia di altri);

–          la pratica editoriale (le relazioni tra Ariosto e lo stampatore, il ruolo dell’autore in tipografia, il finanziamento dell’opera, il sistema di distribuzione delle copie, gli esemplari di dedica; il confronto con altri casi, italiani e stranieri, comparabili con quello della princeps, permetteranno di valutare la posizione del caso ariostesco nel contesto delle tipologie di edizione cinquecentesche);

–          la produzione ariostesca precedente e successiva (le commedie e le satire in particolare, ma anche, ove possibile, la lirica volgare e latina) e il modo in cui il fatto di cimentarsi in generi lettarari diversi ha potuto modificare lo statuto poetico di Ariosto alla corte estense e presso il pubblico ferrarese e italiano;

–          la ricezione e la fruizione del Furioso del 1516 presso i lettori, gli ascoltatori o gli spettatori dell’opera (se gli appelli al lettore sono generalmente considerati dei relitti della tradizione canterina, senza un reale corrispettivo pratico, la celebre lettera di Isabella d’Este al fratello Ippolito indica un tipo di fruizione orale possibile, come anche il precoce adattamento in musica di alcune ottave del Furioso, studiato da Marco Dorigatti).

Le proposte di intervento, corredate da un riassunto di non più di 1000 caratteri e da una breve autopresentazione o un succinto curriculum vitae, andranno indirizzate a Alessandra Villa (Alessandra.Villa@univ-savoie.fr), entro il primo marzo 2015.

http://laboratorio.univ-tlse2.fr/

http://e-revues.pum.univ-tlse2.fr/sdx2/lineaeditoriale/index.xsp

Source de l’information : https://www.academia.edu/10334245/Call_for_Paper_Giornata_di_Studi_Il_Furioso_del_1516_tra_rottura_e_continuit%C3%A0

Giulia Ventrella-Proust

Giulia Ventrella-Proust est chargée de la gestion du projet de recherche international EDITEF, coordonné par Chiara Lastraioli et portant sur "Le livre italien dans l'espace francophone à la première modernité" (Centre d’Études Supérieures de la Renaissance). Elle s'occupe du suivi et de la coordination du projet, ainsi que de la recherche scientifique et de sa valorisation auprès de la communauté scientifique et du grand public.

More Posts - Website

Follow Me:
FacebookLinkedIn


Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.