Appel à contribution

I novellieri italiani e la loro influenza sulla cultura europea del Rinascimento e del Barocco

B372615206_11458_0847_Illustration_01

Torino – Date limite: 15/2/2015

Il gruppo di ricerca Italian Novellieri and Their Influence on Renaissance and Baroque European Literature: Editions, Tranlations, Adaptations, i Dipartimenti di Studi Umanistici e di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne, l’Università di Torino invitano a partecipare al convegno internazionale di studi “I novellieri italiani e la loro influenza sulla cultura europea del Rinascimento e del Barocco”, che si svolgerà all’Università di Torino dal 13 al 15 maggio 2015.

***

Tra Trecento e Seicento un corposo insieme di storie, fiabe, racconti prende forma letteraria e si diffonde attraverso l’Europa occidentale creando un immaginario comune a tutta l’Europa moderna, nonostante le svariate configurazioni nazionali. La novellistica italiana, che ha preso il via con Giovanni Boccaccio e i suoi numerosi emuli (Tommaso Guardati, Matteo Bandello, Francesco Straparola, Giovan Battista Giraldi Cinzio, Anton Francesco Doni, Lodovico Guicciardini, Girolamo Parabosco, ma anche Jacopo di Poggio Bracciolini, Giovan Battista Basile, Gherardo Borgogni…) serve da veicolo, da modello e da intertesto a un Rinascimento, tra il dotto e il popolare, della narrativa europea, che a mo’ di nuova mitologia contribuisce potentemente a configurare la cosmovisione moderna del Vecchio Continente.

Si svilupperanno le seguenti linee di ricerca nell’ambito degli studi sulla letteratura, l’arte e la cultura europea rinascimentale e barocca:

1 –  Studi ecdotici, critici, linguistici e traduttologici sulle opere dei novellieri e le loro prime traduzioni nelle diverse lingue europee.

2 –  Studi sulla ricezione e gli adattamenti delle opere dei novellieri italiani nelle diverse culture europee del Rinascimento e del Barocco, sia attraverso opere o tendenze letterarie, teatrali, musicali, sia attraverso rappresentazioni figurative e iconiche.

3 –  Echi culturali, sociologici, politici e morali dell’opera dei novellieri nell’Europa del Cinquecento e del Seicento.
Relatori invitati:
Carlos Alvar (Universidad de Alcalá, Université de Genève)
Rafael Bonilla Cerezo (Universidad de Córdoba)
Mariagrazia Cammarota (Università di Bergamo)
Eleonora Hotineanu (CNRS, Paris)
Françoise Lavocat (Université Paris Diderot)
Jean-Yves Masson (Universitè Paris Sorbonne)
Elisabetta Menetti (Università di Modena e Reggio Emilia)
Manfred Pfister (Freie Universität Berlin)
Maria Grazia Saibene (Università di Pavia)
Le proposte di relazione, redatte in italiano, francese, inglese, spagnolo o tedesco, di circa 250 parole, vanno inviate all’indirizzo convegno.novellieri.torino@gmail.com entro il 15 febbraio 2015; saranno vagliate dal comitato scientifico composto da Erminia Ardissino, Anna Chiarloni, Maria Teresa Giaveri, Aldo Ruffinatto e Carla Vaglio. Per la presentazione delle relazioni al convegno si prega di considerare la possibilità di usare l’italiano o l’inglese, ma saranno ammesse anche relazioni nelle altre tre lingue.

I relatori riceveranno entro il mese di marzo, insieme alla conferma dell’accettazione della loro proposta, le norme editoriali per la presentazione dei testi. Per agevolare la pubblicazione degli Atti del convegno, che appariranno nella collana “Novellieri in Europa” della casa editrice di Torino aAccademia University Press (www.aaccademia.it), i testi definitivi delle relazioni accettate, con un massimo di 35 000 battute (inclusi spazi e note), dovranno essere consegnati entro il 15 maggio 2015. I testi potranno essere presentati in una delle cinque lingue indicate.

Source de l’information : I novellieri italiani e la loro influenza sulla cultura europea del Rinascimento e del Barocco, Appels à contributionEFMR, Date de publication du numéro Vendredi 30/1/2015, http://www.efmr.it/index.php?op=eventdetail&id=891

 

Giulia Ventrella-Proust

Giulia Ventrella-Proust est chargée de la gestion du projet de recherche international EDITEF, coordonné par Chiara Lastraioli et portant sur "Le livre italien dans l'espace francophone à la première modernité" (Centre d’Études Supérieures de la Renaissance). Elle s'occupe du suivi et de la coordination du projet, ainsi que de la recherche scientifique et de sa valorisation auprès de la communauté scientifique et du grand public.

More Posts - Website

Follow Me:
FacebookLinkedIn


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.