Cours de perfectionnement

Attività di ricerca in Civiltà

del Rinascimento

 

B372615206_11458_0847_Illustration_01

Si stanno affermando ormai nuove concezioni e nuove periodizzazioni del Rinascimento che consentono di guardare a questa epoca con occhi nuovi, profondamente diversi dal passato, considerandone da altri punti di vista valore, e funzione, nel processo di costruzione della civiltà universale. Alla base di questa generale trasformazione degli studi c’è, in primo luogo, l’affermazione di una visione drammatica, per certi aspetti tragica, della civiltà del Rinascimento, con un netto distacco dalle interpretazioni che hanno individuato nella “serenità”, nell’“equilibrio”, nella “armonia” i suoi caratteri dominanti. In secondo luogo c’è la presa di coscienza delle differenze fondamentali tra Rinascimento e “mondo moderno”, connesse, a loro volta, a differenti, e talvolta opposte, opzioni ontologiche, da cui sono state generate concezioni assai diverse della politica e dello Stato, della scienza, dell’arte e della lingua . Sia sul piano interpretativo che su quello metodico ci sono dunque le condizioni per avviare un programma di lavoro sul Rinascimento originale e fortemente innovativo che si svolga nelle seguenti direzioni:

  1. letteratura e storia della lingua italiana, con speciale riferimento al rapporto tra letteratura e arti figurative, alla letteratura teatrale e al rapporto tra teatro e storia della musica;
  2. iconografia e storia dell’arte;
  3. filologia umanistica, filologia italiana, bibliografia testuale;
  4. storia, con particolare attenzione alla dimensione religiosa;
  5. pensiero politico;
  6. pensiero filosofico -scientifico.

Questi differenti ambiti di ricerca convergeranno in tre direzioni comuni:

  1. Individuazione dei caratteri specifici e autonomi del Rinascimento nelle varie sfere, emancipandolo dalle filosofie della storia “moderne”;
  2. Segnalazione delle differenze tra Rinascimento e “mondo moderno”, attraverso l’analisi di alcuni problemi centrali (“scienze della vita” “scienze della natura”; libro di Dio/libro della natura…),
  3. Messa a fuoco delle eventuali relazioni della civiltà rinascimentale con altre forme della civiltà universale a cominciare da quelle dell’Oriente (nell’accezione vasta del termine), con un nuovo approccio al problema – oggi più che mai decisivo – del rapporto tra “ragione” europea nella complessità delle sue stratificazioni, e forme di “ragione” e di razionalità elaborate in continenti, nazioni, culture che si stanno imponendo sulla scena del mondo.

Il Corso di Perfezionamento in Civiltà del Rinascimento è attivato congiuntamente dalla Scuola Normale Superiore e dall’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento con la collaborazione della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze

Giulia Ventrella-Proust

Giulia Ventrella-Proust est chargée de la gestion du projet de recherche international EDITEF, coordonné par Chiara Lastraioli et portant sur "Le livre italien dans l'espace francophone à la première modernité" (Centre d’Études Supérieures de la Renaissance). Elle s'occupe du suivi et de la coordination du projet, ainsi que de la recherche scientifique et de sa valorisation auprès de la communauté scientifique et du grand public.

More Posts - Website

Follow Me:
FacebookLinkedIn


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.