On parle de nous!

Compte rendu de Michaela Valente de l’ouvrage suivant

Nicole Bingen – Renaud Adam , Lectures italiennes dans les pays wallons à la première Modernité (1500-1630) , Turnhout, Brepols, 2015

paru dans Archivio Storico Italiano 2017/3 ~ a. 175 n. 653

« Questo studio di Bingen e Adam sulla diffusione del libro italiano si inserisce nell’ambito del progetto internazionale EDITEF ( L’édition italienne dans l’espace francophone à la première modernité ), che si propone di esaminare la diffusione, presenza e con – servazione del libro italiano nelle aree f rancofone nella prima età moderna dal 1500 al 1630. Il progetto è coordinato da Chiara Lastraioli del Centre d’Études Supérieures de la Renaissance di Tours e coinvolge altri centri di ricerca europei e singoli studiosi di vari atenei. Con la stampa, il mercato editoriale italiano cono – sce una stagione di grande importanza sia per i commerci che si stabiliscono che per la cultura che si irradia in ambienti lontani. Una stagione che ha il suo apice e poi decresce anche per i f reni che vengono adottati dalla Chiesa e che condizio – nano anche gli Stati più audaci come la Repubblica di Venezia. Ad ogni modo, la stampa veneziana affascina e seduce se già nel 1474 lo stampatore Thierry Mar – tens, come raccogliesse una sfida, promette di portare l’eleganza dei caratteri veneziani nei Paesi Bassi. Bingen e Adam si concentrano sul libro italiano o sulla sua traduzione in f rancese, soffermandosi sulle opere a stampa (la production imprimée), gli inventari delle librerie e, infine, le biblioteche private. Dedicandosi a un’area considerata marginale, si ha però la possibilità di evidenziare la grande circolazione del libro italiano sia nelle biblioteche pubbliche che in quelle private. In quest’ultimo caso, si tratta soltanto di dodici biblioteche, un campione ridotto e suscettibile di significativi ampliamenti. Si è scelto di prendere in considerazio – ne i libri italiani, così un libro come l’ Alcorano di Macometto , pubblicato a Venezia nel 1547 è inserito nell’elenco, perché la lingua italiana diventa in questo caso intermediazione. Fondamentale per lo sviluppo della circolazione della cultura italiana sarebbe stata la fondazione nel 1559 dell’Università di Douai. Bingen e Adam tentano anche di proporre una interpretazione del senso di possedere i libri italiani, pur coscienti del fatto che molto dipenda dal possessore: così la biblioteca italiana del principe di Arenberg non si discosta dalle aspettative, men – tre quella dell’umanista François Modius testimonia un interesse per il teatro. Consapevoli di non aver potuto offrire un quadro esaustivo dal momento che 619 Notizie mancano i fondi conservati nelle biblioteche delle varie città, gli autori auspicano che altri studiosi raccolgano il testimone indagando e completando l’analisi delle fonti documentarie. Estremamente originale e rilevante il contributo che non si limita a offrire un repertorio di edizioni, ma indaga anche le ragioni di tale pre – senza, coniugando l’analisi quantitativa con quella qualitativa. »

Télécharger le compte-rendu


Giulia Ventrella-Proust

Giulia Ventrella-Proust est chargée de la gestion du projet de recherche international EDITEF, coordonné par Chiara Lastraioli et portant sur "Le livre italien dans l'espace francophone à la première modernité" (Centre d’Études Supérieures de la Renaissance). Elle s'occupe du suivi et de la coordination du projet, ainsi que de la recherche scientifique et de sa valorisation auprès de la communauté scientifique et du grand public.

More Posts - Website

Follow Me:
FacebookLinkedIn

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *